Accedi al sito
Serve aiuto?
image0

L'isola » Territorio, arte e cultura

I Greci la chiamavano Hiera: l'Isola Sacra.

Marettimo è una delle piccole isole più belle del Mediterraneo. Una escursione sull'isola riserverà la vista di boschi, precipizzi e panorami di indicibile bellezza. Separata dalla Sicilia da oltre 600.000 anni, sull'isola sono presenti specie vegetali inesistenti in Sicilia. A Punta Troia sorge un castello risalente agli Arabi e fortificato dagli Spagnoli nel XVII secolo. Resti di costruzioni romane, testimoniano la presenza di un presidio romano.

Isola sacra per i greci, Marettimo è la più lontana e selvaggia delle Egadi, con le sue splendide grotte, i sentieri di montagna e le stradine del paese dove in parte la sacralità antica ancora si respira nell’aria. Una montagna incombente e maestosa sovrasta lo Scalo Nuovo, tra barche e vecchie case di pescatori. Ma è lo Scalo Vecchio, sul lato opposto, il vero porticciolo della vita marina di Marettimo. Da qui si scorge Punta Troia che si protende verso il mare con il suo Castello costruito dagli Spagnoli nel XVII secolo. Il “Castello di Punta Troia” è una tra le varie testimonianze delle tante dominazioni subite, come anche le cosiddette “Case Romane” raggiungibili seguendo una mulattiera che risale il fianco della montagna. A poca distanza si trova una chiesetta bizantina di epoca tardomedievale.

Una vacanza a Marettimo vuol dire soprattutto familiarizzare col mare e avventurarsi in escursioni con la barca alla volta di grotte di ancestrale bellezza e di tratti costieri che, per la presenza di secche, pareti a strapiombo e grotte sommerse, offrono scorci davvero incantevoli.

Di grotte ce ne sono tante sull’isola. Partendo dal porto e navigando verso nord si incontra la Grotta del Cammello dove è possibile entrare con la barca e raggiungere la spiaggia di ghiaia in fondo alla grotta. Proseguendo per Punta Troia, superando il promontorio, un’altra sosta si puà fare alla Grotta del Tuono, nella costa settentrionale che termina con Punta Mugnone. Da qui comincia lo scenario tortuoso e affscinante della costa occidentale con le sue numerose grotte e cale, con rocce altissime, dolomitiche a picco sul mare trasparente e profondo: Cala Bianca dominata da Capo Bianco (400 m), Grotta Perciata, Cala Bombarda con la grotta omonima e la Grotta del Presepio dove stalattiti e stalagmiti, erose dal mare e dal vento, hanno assunte forme somiglianti a statue del presepe. A Cala Spalmatore si apre una piccola spiaggia. Dopo Punta Libeccio comincia la parte meridionale dove la costa è più verdeggiante, fino all’estremità di Punta Bassana.

Marettimo non è solo mare. Il fatto di essere l’isola più selvaggia e montuosa delle Egadi la rende preziosa anche agli occhi di chi ama trekking e scenari agresti. L’isola è abitata da mufloni, cervi, cinghiali e uccelli rari come il Falco Pellegrino, che si possono incontrare inoltrandosi nei sentieri montani che costeggiano il mare.

Nella nostra Amata Isola, non mancano deliziosi ristoranti, dove poter gustare tutti i giorni il PESCE FRESCO, pescato giornalmente dai pescatori dell'isola. Sarà nostra cura consigliarvi i ristoranti dove poter gustare deliziosi pranzi o romantiche cene.

 

Info Contatti

Torrente Pietro Giuseppe
Via Campi 22
91010 - Marettimo
Trapani - Italia
C.F. / P.Iva: TRRPRG71L19D423D
Tel: (+39) 339.2411770
info@bebsulmare.com

Social Share